Logo con stemma di Gesualdo Convento dove ha risieduto padre Pio Panorama da via Pastene
Go to english versionVersione italiana - Home page

Un diavolo per Amico

Festa di San Vincenzo Ferreri 2006

 

GESUALDO_ Commenti, proteste e contestazioni. Stravolto il copione della tradizionale recita dell’angelo e del diavolo nella manifestazione in onore di San Vincenzo Ferreri che si è svolta ieri domenica 27 agosto 2006 a Gesualdo. Il bravo attore-bambino (un po’ troppo grande) Davide, che impersonava l’angelo, e l’altrettanto impeccabile Gianni, che interpretava il diavolo, hanno offerto il meglio di se nella pessima parte riscritta, prima d’oggi mai cambiata. Quali o chi l’ infiltrato ignoto manipolatore? Nei vari avvisi e commenti del preludio della manifestazione nessun accenno, a cambiamenti e sperimentazioni dell’evento. Dai commenti degli astanti più attenti si evidenzia che, forse, più di qualcosa sia sfuggita di mano al comitato festa, quest’anno per la prima volta orfano del suo leader l’attuale sindaco avv. Nuccio Petruzzo. La parte dell’angelo e del diavolo tradizionalmente di stampo popolare è diventata, aristocratica, ecclettica, papalina e discriminante, totalmente lontana dalla tradizione. Oltre a dividere i santi, l’angelo e il diavolo tra il bene e il male in forme, modi e parole tutt’altro che elementari e popolane, li ha accumunati, anche se con le dovute distanze e a sprazzi, in una sorte di predica abbaziale  di stampo angelico-classista, velando di esorcismo partitico la figura del santo in un paese già voluto troppo diviso. (l’angelo): “ ....io sono l’angelo dell’apocalisse.......satana dov’è dove sono mai i tuoi seguaci?....Vi inculco nel cuore un più attento amore verso di lui perchè è assai caro a Dio..... ma state accorti a non dare al santo quell’onore che date al solo Dio.....a Cristo siano rivolte le vostre preghiere che fate al glorioso S.Vincenzo..... Se Dio non saprete amare più di qualunque altro santo, il Taumaturgo non potrà intercedere per voi........”  (e il diavolo): “ figlio delle pene... principe maggiore..... imperiale passare..... e si apra e tutto sperdino raggi di profondo spaventose, quale esecrato.... io, io solo devo regnare, scendi, scendi! Oggi dobbiamo scompigliare le stelle.......qual pena abbia mai?... chi mi incatenerà le braccia per impedirmi di sterminare prima te e poi tutti gli altri....mi basta solo l’onore di aver pugnato......e non vi è uomo che non porti omaggio a me dovuto.....ecc. ecc. .... Sono andate quasi completamente perdute o appannate, quelle espressioni forti di stile e d’impatto che comunicavano più direttamente con gli astanti e relegavano giustamente i contendenti, anche  e sopprattutto attraverso le parole i termini e i gesti, in ruoli decisi drasticamente contrapposti, più vicini alla tradizione e al lessico poloare (gloria a te, evviva per sempre, a dispetto di satana e di tutto l’inferno... piccolo verme trasformato in uccello.....orrore e dolore formano il mio regno....fulmini saette.... sai spiegarmi perchè l’uomo strozza il suo simile, perchè approfitta del bene altrui, perchè uccide e inganna il suo prossimo? Sono io che inietto veleno nel cuore di ogni tiranno....) . Insomma sembra che ci sia qualcuno che si sia impegnato per strafare e qualche altro, pur responsabile, che non si è impegnato per niente a controllare. Si è avuta, appunto, l’idea di una organizzazione in balia della tempesta su una nave senza nocchiero. Un insime di approssimazioni e pressapochismo, un elaborato uso e consumo a piacimento, della storia, della leggenda, della consuetudine, nonchè del tradizionale e secolare teatrino medioevale?  Che fine ha fatto il vecchio copione? Dov’era il bambino nuovo, designato a fare l’angelo quest’anno dalla commissione appositamente insediatasi l’anno scorso? Forse non sono rimasti più neppure i galantuomini che facevano del rispetto delle proprie parole virtù e regola di vita? Meno male che c’è Toronto e gli altri emigrati in tutto il mondo a difesa dell’ortodossia delle tradizioni.

Franco Caracciolo


Angelo   Toronto rappresentazione dell' "Angelo e Diavolo"

Webmaster Franco Caracciolo - e-mail: [email protected]